Immagine del Blog
Premi di produttività, con la manovra scatta la decontribuzione
Sconto alle aziende ed esenzione per i lavoratori, ma solo per i nuovi contratti integrativi. La novità nel dl 50/2017
02 May 2017

Dopo le agevolazioni fiscali previste dall’ultima Legge di Stabilità, per i premi di produttività arriva anche la decontribuzione. La nuova misura è stata messa in campo dal governo con la manovra correttiva, per incentivare la contrattazione di secondo livello e la partecipazione dei lavoratori.

L’articolo 55 del decreto legge 50/2017 è dedicato ai premi o alle somme erogate come forma di partecipazione agli utili nelle aziende che “coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro”. Per una quota massima di 800 euro, i datori godranno di uno sconto del 20% sull’aliquota a loro carico dei contributi obbligatori per invalidità, vecchiaia e superstiti, mentre il lavoratore non dovrà versare contributi. Corrispondentemente verrà ridotta anche l’aliquota contributiva di computo ai fini pensionistici.

Il nuovo regime riguarda solo premi e somme previste da accordi aziendali o territoriali sottoscritti successivamente al 24 aprile 2017, data entrata in vigore del decreto legge. Per quelli precedenti valgono le norme vigenti al momento della stipula. 

“In questo modo pensiamo che molte altre piccole imprese accederanno alla contrattazione aggiuntiva” ha spiegato in un’intervista a Repubblica Marco Leonardi, consigliere economico di Palazzo Chigi. Meno contributi significano anche pensioni più basse. “Un costo tutto sommato contenuto”, secondo l’esperto: “Un premio di produttività di 800 euro all’anno (720 netti per il lavoratore) comporta un mancato accumulo di pensione per soli 9 euro annui”. 

Al 20 aprile scorso, risultavano depositati telematicamente al Ministero del lavoro 20.908 contratti aziendali e territoriali. Tra questi, 16.335 si propongono di raggiungere obiettivi di produttività, 12.159 di redditività, 9.323 di qualità. Inoltre, 2.259 prevedono un piano di partecipazione e 4.641 misure di welfare aziendale.

Equipeonline.it