Back

Happy Child fa felici anche le maestre

Immagine per Happy Child fa felici anche le maestre

Happy Child fa felici anche le maestre

Welfare aziendale per le lavoratrici di un network di asili nido
15 March 2017
Tempo di lettura: 2,9 min.
Creare un buon piano di welfare aziendale è un ottimo inizio, ma perché sia davvero efficace bisogna anche aiutare i destinatari a sfruttarlo al meglio. Happy Child, già attenta al benessere delle sue dipendenti e a come potessero conciliare vita e lavoro, prima della sperimentazione aveva istituito una serie di benefit, come abbonamento ai mezzi pubblici o rimborso carburante, forti sconti sulla retta dei nidi aziendali, frequenza gratuita dei centri estivi e babysitting gratuito in caso di malattia dei figli. L’azienda ha però voluto articolare e ampliare questa offerta in un piano strutturato di welfare aziendale da comunicare efficacemente alle lavoratrici, in modo che ne fossero chiari anche il valore economico e i vantaggi fiscali.

Il contesto

Happy Child è un network di asili nido bilingue tradizionali, familiari e aziendali fondato nel 2002 da Rita Loner Zecchel per aiutare le utenti a conciliare vita e lavoro e per offrire nuove opportunità occupazionali alle donne. Ad oggi i nidi sono oltre 50, gestiti direttamente dalla casa madre a Milano e provincia, affiliati in franchising nel resto d’Italia. L’azienda organizza anche corsi di formazione rivolti a giovani mamme o a donne mature che vogliono avviare un nido familiare.

Il personale dipendente, 90 unità, è composto quasi esclusivamente da donne, per il 70% tra i 25 e i 35 anni. Si dividono tra impiegate in segreteria, amministrazione e area formazione, personale ausiliario part-time che si occupa delle pulizie e della cucina e, soprattutto, personale educativo: supervisori pedagogici, coordinatrici ed educatrici vere e proprie. Queste ultime lavorano su turni che coprono le 10 ore di apertura giornaliera degli asili, con orari di entrata e uscita flessibili a rotazione.

Le misure

Happy Child ha definito insieme alle dipendenti, consultate nel corso di colloqui individuali, un nuovo paniere di benefit, compresi alcuni appetibili anche per le più giovani e per le single, tutti organizzati in un nuovo piano di welfare aziendale. Per gestirlo è stato adottato un software che consente a ogni dipendente di utilizzare con facilità un wallet elettronico per acquistare beni e servizi a scelta tra diverse categorie (istruzione; sport e cultura; cura della famiglia; card e cofanetti regalo; buoni viaggio; trasporto pubblico locale).

Per implementare il piano di welfare, rendere le lavoratrici consapevoli del controvalore economico e dei vantaggi fiscali e istruirle nell’utilizzo del software, è stato definito un piano di comunicazione e sono stati organizzati due interventi formativi insieme ai consulenti del progetto LaFemMe: uno preliminare, per il personale amministrativo, l’altro aperto a tutte le dipendenti, con una giornata informativa dedicata alle novità in arrivo. L’effettivo utilizzo dei benefit è stato poi monitorato e valutato periodicamente durante la sperimentazione.

I risultati

Il passaggio da un insieme di benefit informali a un piano di welfare strutturato ha migliorato l’efficienza gestionale e ha garantito un aumento del reddito indiretto delle lavoratrici, che grazie alla defiscalizzazione hanno potuto acquistare beni e servizi a costo inferiore. Condizioni più favorevoli hanno fatto aumentare le affiliazioni ad Happy Child e hanno reso più semplice la conciliazione tra vita e lavoro.

Il coinvolgimento delle lavoratrici nella definizione dei benefit, lo sforzo di comunicazione e formazione e la semplicità del software gestionale hanno fatto aumentare la consapevolezza e l’effettiva fruizione del piano di welfare. Il dialogo con le lavoratrici, favorito dall’atteggiamento del management, dalle dimensioni di Happy Child e dal clima familiare che si respira in azienda, rappresenta una condizione favorevole anche per rimodulare l’offerta in base a nuove condizioni ed esigenze.

[Esperienza realizzata dal progetto LaFemMe nel 2014]

Leggi anche...

 Flessibilità oraria

 Welfare aziendale

 I piani di welfare aziendale

 La flessibilità dell’orario e dell’organizzazione del lavoro

 Welfare per il miglioramento organizzativo